2016/03/13

Perché voglio scrivere e pubblicare i miei scritti?


Perché voglio scrivere e pubblicare i miei scritti? Cosa mi spinge a farlo? Cosa spero di ottenere facendolo? Forse sono spinto da una combinazione di diverse motivazioni consce e inconsce, che potrebbero essere, per esempio, una o più delle seguenti:
  • dimostrare la mia intelligenza, cultura, creatività, genialità, razionalità, sensibilità, profondità, empatia, moralità, senso artistico, senso dell'umorismo, abilità, eccellenza e superiorità intellettuale ed etica rispetto alla media degli esseri umani;
  • compensare le mie inferiorità in certi campi dimostrando superiorità in altri;
  • soddisfare il mio narcisismo, piacere agli altri, interessarli, affascinarli, attrarli, essere ammirato, amato, stimato, apprezzato, approvato, premiato, coccolato, desiderato, seguito, servito, obbedito;
  • manipolare i lettori, far loro credere che io sono meglio di quanto realmente sia;
  • dimostrare di meritare posizioni e trattamenti di privilegio nella società a causa delle mie superiorità ed eccellenze;
  • esercitare la mia capacità di logica, analisi e sintesi ed aumentare la mia competitività in tal senso; elaborare i miei pensieri e sottoporli al giudizio critico altrui per poterli migliorare e completare;
  • soddisfare i miei bisogni di interazione sociale, appartenenza, individuazione, potenza;
  • esibire la mia personalità per attrarre e incontrare persone a me affini; stabilire rapporti di amicizia e solidarietà con persone simili a me;
  • illudermi di conoscere la verità;
  • rendere conscio l'inconscio; fare auto-terapia per superare i miei disagi psichici; aumentare il mio autocontrollo e la mia consapevolezza delle motivazioni mie e altrui; studiare le vere motivazioni del comportamento umano e demistificare quelle mistificate; ribellarmi a comunità interiorizzate limitanti, frustranti, obbliganti, giudicanti e colpevolizzanti, che ancora mi condizionano;
  • ribellarmi a mio padre;
  • vendicarmi di tutti quelli quelli che mi hanno ingannato e manipolato e che cercano ancora di farlo, tra cui i predicatori di ogni religione;
  • farmi perdonare la mia arroganza e il mio disprezzo per gli altri;
  • aiutare gli altri a risolvere i propri problemi psicologici e a superare i propri disagi psichici;
  • definire e proporre un nuovo modello di comunità, in cui personalità di tipo simile al mio (specialmente gli introversi) sarebbero avvantaggiate rispetto ad altri tipi di personalità (specialmente gli estroversi);
  • definire e proporre un nuovo modello di comunità, in cui personalità di qualunque tipo, anche diverso dal mio, sarebbero avvantaggiate rispetto ai modelli attualmente diffusi;
  • contribuire alla fondazione di una nuova "scienza umanista" eclettica, organica e integrata (attingendo dal caos delle attuali discipline umane e sociali) da insegnare nelle scuole e/o divulgare attraverso i mass media, e contribuire così al progresso umano attraverso una migliore conoscenza della natura umana;
  • promuovere la formazione di "comunità umaniste" basate su un comune interesse per la nuova "scienza umanista";
  • perché credo che il mondo sarebbe migliore se ogni essere umano avesse un sito web attraverso il quale farsi conoscere e facilitare i suoi rapporti con gli altri.

2 commenti:

  1. Grazie per la condivisione dei tuoi interventi. Tra l'altro tramite il tuo blog ho scoperto il sito di Luigi Anepeta. Straordinario.

    RispondiElimina
  2. Mi fa molto piacere! Grazie per avermelo fatto sapere.

    RispondiElimina

Blog di Bruno Cancellieri